lunedì 31 dicembre 2012

OMAGGIO A RITA LEVI MONTALCINI


“ Se morissi domani o tra un anno, sarebbe lo stesso: quel che conta è il messaggio che lasci dietro di te. È il solo modo affinché il nostro passaggio sulla Terra non si esaurisca in un grande nulla”.

Un paio di anni fa ho pubblicato sul mio canale youtube questa stralcio di un'intervista della Montalcini a "Che tempo fa".
Ho scaricato moltissimi dei suoi video perchè ho sempre ammirato la sua personalità, la sua forza ed il suo ingegno, mi ispirava ascoltare le sue parole.
Lo ripubblico in occasione della sua scomparsa perchè sono convinta che lei ci abbia lasciato dei messaggi molto importanti ed in questo momento si stanno espandendo ancor di più anche se succede in un'occasione non gioiosa, la sua morte.
In questo video fa un'analisi visionaria sull'evoluzione del cervello dell'uomo molto interessante ma i messaggi più importanti sono altri ed ho cercato di raccoglierli in questo post:

"Chi ha la fortuna di possedere la fede si avvale di un sostegno impareggiabile in tutte le fasi del percorso vitale.Se si sostituisce a un Dio antropomorfo, che premia i buoni, l'imperativo inciso nel programma dell'uomo sapiens che il bene ha un premio in se stesso e il male ha il suo castigo, il laico e il credente troveranno la risposta.
Ho perso un po' la vista, molto l'udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più adesso di quando avevo vent'anni. Il corpo faccia quello che vuole: Io non sono il corpo: io sono la mente.

Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella "zona grigia"  in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva, bisogna coltivare il coraggio di ribellarsi.

Meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita. 
Sono enormemente grata, 
Grazie a tutti voi" 
Rita levi Montalcini 
.



Nessun commento:

Posta un commento